x

Il sito www.lalepreedizioni.com utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
articoli e recensioni
IL RICERCATORE DI EMOZIONI
IL RICERCATORE DI EMOZIONI
Collana: Visioni
ISBN: 978-88-96052-37-2
Pagine: 384
Data di pubblicazione: ottobre 2011
 
Quelle coincidenze che cambiano una vita
Io spio, 23 Marzo 2012
Partiamo subito con una precisazione: io non sono un critico letterario. Consideratemi, piuttosto, una divulgatrice di informazioni interessanti. Le mie interviste infatti non sono mai fine a se stesse ma un modo per comunicare con il lettore offrendo spunti curiosi, utili oltre che ludici. In questo numero vorrei presentarvi uno scrittore molto particolare che risponde al nome di Marco Cesati Cassin. Marco è stato di recente ospite di Roberto Giacobbo nella trasmissione Voyager, in onda tutti i lunedi su Rai 2, ma anche di Paolo Bonlis nella scorsa edizione de “Il Senso della Vita”. Nonostante sia un debuttante nell’ambito letterario, il romanzo che ha scritto sta conquistando un numero sempre più ampio di lettori soprattutto grazie agli argomenti toccati, ossia le coincidenze e il caso. Il titolo del libro in questione è “Il Ricercatore di Emozioni”, non è un trattato scientifico bensì uno strumento per approfondire dei temi che ci sfiorano quotidianamente: le coincidenze e la lotta tra il bene e il male. La trama è avvincente, di sicuro una volta iniziato è difficile abbandonare il racconto e tutti, proprio tutti, possono avvicinarsi alla lettura senza paura perché il linguaggio utilizzato è semplice ed estremamente efficace. La particolarità del libro però è quella di scovare, tra le sue pagine, delle informazioni che sicuramente risvegliano nel lettore momenti di vita vissuta, suscitano domande a cui viene spontaneo chiedere delle risposte. Lo faccio io per voi n questa intervista con l’autore.
Marco, tu vieni dal mondo del turismo, il tuo incontro con l’imperscrutabile è stato un caso o una coincidenza?
Partiamo dal presupposto che nulla avviene per caso. Per ciò che riguarda la coincidenza ti posso rispondere dandoti la definizione della parola stessa e cioè: dicasi coincidenza un fatto accidentale che casuale non è.
Fammi un esempio per capire meglio.
Ti racconto un episodio storico di cui ti riassumo qualche punto. Parliamo di due presidenti degli Stati Uniti eletti a cento anni di distanza. Abramo Lincoln fu eletto nel 1860 e John F. Kennedy nel 1960, i vice presidenti di entrambi si chiamavano Johnson e erano nati a cento anni di distanza: nel 1808 Andrew Johnson e nel 1908 Lyndon Johnson. Entrambi i Presidenti furono uccisi di venerdi, con un colpo di pistola alla nuca e alla testa, entrambi avevano accanto le mogli che avevano 24 anni ognuna, che avevano avuto tre figli di cui uno morto durante il periodo di presidenza. Gli assassini dei presidenti erano nati a loro volta a cento anni di distanza: John Booth nel 1839 e Lee Oswald nel 1939. Nessuno dei due arrivò al processo, vennero assassinati prima con un colpo di pistola di marca Colt. In effetti c’è del misterioso in queste coincidenze.
Ti dirò di più, le coincidenze sono molto importanti per noi perché ci permettono di capire qual è il nostro destino come dei lampioni che illuminano un percorso buio. In quei momenti di luce possiamo capire meglio dove ci porterà la strada che stiamo percorrendo. Ogni persona è testimone mediamente di otto coincidenze importanti al mese.
Ma le coincidenze di cui hai parlato, come le hai potute verificare?
Le coincidenze in realtà non sono verificabili scientificamente, lo sono solo oggettivamente grazie alle fonti come le testimonianze e gli articoli di giornale. Di una cosa stai pur certa: tutto è uno e tutti siamo interconnessi. Una coincidenza è un po’ come una strizzatina d’occhio che ci fa Dio.
Questo romanzo “Il ricercatore di emozioni” lo hai scritto per te o per gli altri?
Esclusivamente per gli altri.
Sei così generoso?
Io più che uno scrittore mi sento un ricercatore, proprio come il protagonista del mio libro e il ricercatore è colui che quando trova qualcosa non vede l’ora di divulgarlo al mondo intero.
C’ è qualcosa di particolare che vuoi dire ai lettori di “Io Spio”?
Assolutamente sì! Aspetto di conoscere le coincidenze e gli eventi straordinari che vi sono capitati nella vita. Potete scrivermi, per questo, all’indirizzo di posta elettronica: info@marcocesaticassin.it
Roberta Beta
  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie