x

Il sito www.lalepreedizioni.com utilizza cookies tecnici e consente l’invio di cookies di "terze parti".

Per maggiori informazioni sull’uso dei cookies, cliccare qui INFORMATIVA ESTESA.

Si informa che la prosecuzione della navigazione mediante accesso ad altra area del sito o selezione di un elemento dello stesso comporta la prestazione del consenso all’uso dei cookie.

la lepre edizioni la lepre edizioni
Ricerca veloce
Facebook
Twitter
YouTube
articoli e recensioni
PINOCCHIO
PINOCCHIO
Collana: Strenne della Lepre
ISBN: 978-88-96052-40-2
Pagine: 128
Data di pubblicazione: novembre 2011
 
Una favola sempre attuale
Il carabiniere, 20 Febbraio 2012
Non c’è bisogno di spiegare l’attualità di Pinocchio, né di fornire al riguardo particolari prove. Di studenti somari e burattini che non vogliono crescere è pieno ogni tempo. Ci fa piacere ricordare, però, la versione cinematografica offerta dalla Disney: un kolossal d’animazione di rilievo planetario che basta da solo a perpetuare la fama di questo personaggio straordinario. Ci offre una nuova e bella edizione della favola collodiana, con un racconto da lui stesso illustrato, lo scrittore di origine abruzzese Luigi De Pascalis, romanziere pubblicato in Francia, Germania e Stati Uniti, che si è aggiudicato per due volte il Premio Italia per la letteratura fantastica, in più vincitore del Premio di letteratura naturalistica Parco Majella e finalista ai Premi Camaiore di letteratura gialla e Acqui Storia, oltre che autore della serie di Caio Celso, ambientata nel IV secolo dopo Cristo. La sua graphic novel Pinocchio, appena uscita per La Lepre Edizioni, contiene tavole di pregio (come quella con i Carabinieri che qui potete ammirare) e una sequenza di episodi che rispetta alla lettera il testo originale. La prefazione è una lettera di De Pascalis a Collodi, che si conclude con parole toccanti: “...è solo per questo che ho voluto dare alle mie tavole un sapore d’altri tempi”, egli scrive, “come di vecchie immagini di famiglia già quasi del tutto sbiadite, ma ancora capaci di richiamare alla mente persone care e scomparse. Persone inadatte, forse, al mondo in cui viviamo oggi, ma senza le quali non saremmo mai stati ciò che siamo”. Dopo cotanto dire, non rimane che augurare buona lettura!
  Note Legali | Dati Societari La Lepre Edizioni S.r.l. P.IVA 09643191001 Policy Privacy | Informativa Cookie